Now Reading
La battaglia di Erdogan nel nord della Siria

La battaglia di Erdogan nel nord della Siria

L’operazione dei militari turchi che rotola nella Siria nord-orientale è una manifestazione della necessità del presidente turco Recep Tayyip Erdogan di spostare l’attenzione dal crescente caos all’interno del suo Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP). In seguito alla perdita delle recenti elezioni municipali a Istanbul e alla frammentazione del partito da lui fondato, tra cui la caduta con vecchi alleati, Erdogan aveva bisogno di consegnare qualcosa per ripristinare la reputazione dell’AKP e lui stesso per evitare un’ulteriore frammentazione. Quindi, in molti modi, questo conflitto è la battaglia di Erdogan.

La Turchia è stata desiderosa di fare questa mossa contro i suoi obiettivi curdi per un po’, ma è stata frenata da una ferma posizione degli Stati Uniti. Mentre il presidente Donald Trump si impegna nella campagna ritirando le truppe dalla Siria, la posizione americana viene ammorbidita e la porta è aperta alla sua alleata Turchia per una breve incursione, poiché è improbabile che Trump sostenga un’operazione lunga o diffusa. La Turchia, infatti, si è impegnata con gli Stati Uniti e la Russia a non attaccare le aree in cui i curdi stanno trattenendo più di 1.000 prigionieri di Daesh. Se la Turchia può evitare lunghe battaglie, Mosca e Washington possono posizionarsi come mediatori e usarla per aprire la strada della riconciliazione.

La posizione russa è stata una decisione facile da prendere. La posizione degli Stati Uniti, abbandonando efficacemente i curdi, rafforza ulteriormente le preoccupazioni in tutta la regione circa la volubilità di un’alleanza con gli americani. Questa è la vera preoccupazione che guida un impegno maggiore e più aperto con la Russia. Ciò pone ulteriormente la Russia in una posizione migliore con Ankara e Damasco, e potrebbe essere vista come un arbitro indipendente con i curdi per negoziare una soluzione politica in Siria, basata sulla propria visione per il paese e la regione. Dal punto di vista della Siria, Damasco sarà probabilmente desideroso di sfruttare questa opportunità per raggiungere altri due obiettivi. Con le milizie sostenute dalla Turchia nel nordovest che probabilmente si dirigeranno verso est per sostenere questa mossa da parte della Turchia, lascerà aperta la regione di Idlib per essere recuperata dall’esercito siriano. Consentirà inoltre a Damasco di esercitare una maggiore pressione sui curdi, poiché faranno sempre più affidamento su Siria e Mosca per proteggerli da troppi danni dei turchi.

Mentre l’operazione militare turca nel nord della Siria ha un chiaro obiettivo politico di distrarre dalle questioni interne e far sembrare forte Erdogan contro un nemico storico, dimostra anche il desiderio della Turchia di essere al tavolo per la ricostruzione della Siria e influenzare la soluzione politica.

See Also

Ora che gli attacchi sono iniziati, qualsiasi cessate il fuoco richiederà un processo di riconciliazione che porta alla ricostruzione della Siria.

What's Your Reaction?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Scroll To Top