Now Reading
La Turchia di Erdogan al limite dell’implosione

La Turchia di Erdogan al limite dell’implosione

Da mesi la Turchia sta vivendo un’escalation del potere del Presidente Recep Tayyip Erdoğan e del suo partito l’Akp che regge le sorti del paese da quasi un ventennio.

La girandola di avvenimenti che stanno interessando la Turchia è impressionante: dalla Libia alla Siria, alla contesa sulle fonti energetiche del Mediterraneo orientale, che la vedono contrapposta in particolare alla Grecia, paese con cui Ankara non ha mai avuto buoni rapporti.
Si è inasprito negli ultimi giorni anche il confronto con la Francia, che ha dei forti interessi nella zona e intende difenderli e con gli Emirati Arabi Uniti, che in questo frangente, hanno appoggiato immediatamente la Grecia con l’invio di arerei in supporto delle forze aeronavali elleniche.

L’audace e spregiudicata politica estera, e l’accrescimento della sua influenza in paesi geograficamente lontani, come quelli africani, ma strategici, ha messo in allarme molte diplomazie, da quelle europee a quelle del mondo arabo che mal tollerano la presenza turca in numerosi scenari strategici internazionali.
Il caso più evidente è quello della Libia, dove la Turchia ha per il momento scalzato l’Italia e la Francia e in questo momento sta svolgendo un ruolo primario per la risoluzione almeno temporanea della guerra civile in corso da anni.

Militari turchi in Libia

Al quadro internazionale si aggiunge quello interno caratterizzato da un governo che assomiglia sempre più ad una dittatura, con le opposizioni messe a tacere, i diritti umani calpestati, e con gli oppositori incarcerati che non hanno altra alternativa se non quella di portare avanti scioperi della fame ad oltranza e spesso mortali, nella vana speranza di vedere riconosciuto il diritto ad un giusto ed equo processo.
La popolazione sembra assopita e anestetizzata, anche a causa del Covid 19 che ha fatto deflagrare tutti i cronici problemi economici e sociali. Le priorità del cittadino turco medio non sono oggi quelle di combattere le iniquità e le ingiustizie, quanto quelle di sfamarsi, di trovare e soprattutto di non perdere il lavoro e cercare di superare questo periodo di crisi.

La scena politica è in mano all’Akp, ma già si notano le crepe che potrebbero portare alla dissoluzione di questo partito-stato: il calo dei consensi, le pressioni esercitate dagli alleati ultra nazionalisti e dai tanti gruppi di potere, in particolare quelli religiosi, fanno intravedere un incrinamento del potere del Presidente, che rimane la punta di diamante del partito.
Proprio Erdoğan vista la diminuzione del consenso popolare sul partito ha cercato di accrescere il proprio prestigio personale portando avanti alcune operazioni sia a livello internazionale che interno.
Tuttavia le prospettive non sono incoraggianti perché l’impegno della Turchia su più fronti e in vari contesti, con un ruolo non secondario, ha costi molto alti sia umani che economici.
L’economia è in ginocchio e l’ultimo espediente per cercare di salvarla, finanziando le imprese con i fondi derivanti dalle pensioni private, non è riuscito a stabilizzare l’inflazione che è galoppante e ad ancorare il valore della moneta che è stata svalutata ed ha perso gran parte del suo valore d’acquisto.

Per quanto tempo ancora la Turchia potrà sostenere tutto ciò?
La nazione sta rischiando un pericoloso avvitamento su sé stessa che potrebbe condurre ad una implosione politica ed economica. Sia ad Ankara e ad Istanbul, negli ambienti dell’opposizione, che in Europa e nelle capitali estere è chiaro che questa situazione è stata determinata dalla dissennata linea politica di una leadership che ha pericolosamente sovraesposto la nazione.
Un rischio che la Turchia potrebbe non essere in grado di reggere. I segnali sono già presenti e in un futuro non troppo lontano potremo sentire parlare di una nuova Turchia, libera da regimi autoritari e ingiustizie.

See Also

Emanuela Locci

Fonte: https://www.groi.eu/0YN5n

What's Your Reaction?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Scroll To Top