Now Reading
La Turchia blocca l’Europa nel Mediterraneo

La Turchia blocca l’Europa nel Mediterraneo

Nelle ultime settimane la politica energetica della Turchia ha tenuto banco nei consessi internazionali. La situazione sembrava esservi stabilizzata e invece i turchi colpiscono con un ultimo colpo di coda.

Infatti il governo di Erdogan ha emesso un Navtex, che è un servizio internazionale di trasmissione usato per trasmettere informazioni urgenti sulla sicurezza alle navi, per bloccare le ricerche geologiche della  nave italiana Odin Finder, ricerche finalizzate alla costruzione del cavo elettrico sottomarino chiamato HVDC che dovrebbe collegare l’Africa all’Europa. Il cavo lungo 1707 km, unirà l’Egitto alla Grecia, passando per le isole di Creta e Cipro e trasporterà 2.000 MW di energia elettrica, quantità in gradi di assicurare all’Europa una disponibilità di energia certa.

L’azione turca ad oggi di fatto rallenta la sua realizzazione. I fatti si sono susseguiti nell’arco di brevissimo tempo: la repubblica di Cipro nei giorni scorsi ha emesso un primo Navtex che rendeva noto agli attori internazionali presenti nell’area che la nave italiana avrebbe iniziato le indagini geologiche nella sua zona economica esclusiva. I lavori degli italiani sono stati però immediatamente bloccati da un secondo Navtex turco rivendicando a sé la zona economica esclusiva: “La parte settentrionale dell’area di ricerca che Larnaca ha delimitato rientra nella zona marittima della giurisdizione turca, quindi le operazioni nell’area devono essere coordinate con le autorità di Ankara”.

È chiaro l’intento di Ankara. Tagliare fuori l’Europa dal mercato energetico ed impedire che l’Egitto diventi un centro energetico primario nel Mediterraneo, ruolo che la Turchia evoca a sé. Sono infatti chiare le azioni messe in campo dal governo turco per il raggiungimento di questo obiettivo: primo tra tutti l’accordo energetico con il governo di Sarraj, a proposito del petrolio libico.

L’Italia insieme ad altre nazioni europee sarà danneggiata dalla spregiudicata politica turca, infatti anche alcune aziende italiane hanno partecipato alla progettazione del cavo, in partnership con la EuroAfrica Interconnector, società nata allo scopo di progettare e realizzare il cavo sottomarino.

Se la situazione non si sbloccherà un’infrastruttura europea sarà fermata a causa delle azioni turche. Come finirà? Come reagirà l’Europa? E l’Italia in tutto ciò che ruolo avrà? Si attendono gli eventi e le risposte.

See Also

Emanuela Locci – (Docente Università di Torino)

Fonte: https://www.groi.eu/ojRJL

What's Your Reaction?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Scroll To Top